Ecco come bluffare nei convenevoli da grigliata.

5 paroloni per veri professionisti della griglia.

1. Rub

La parola "rub" deriva dal verbo inglese "to rub" e significa spalmare. Il termine si riferisce alle miscele di spezie secche e liquide (per la marinatura), che si spalmano sulla carne aromatizzandola.

2. Smoking

Non si tratta né dell'area fumatori né tantomeno del tipico abito da sera, bensì dell'affumicatura dei cibi grigliati.

3. Dry-aged

Se ti viene l'acquolina in bocca, allora si tratta molto probabilmente di carne dry-aged. Così vengono infatti chiamati i tagli di carne all'osso, essiccati e stagionati per sei settimane in modo tradizionale. Per quanto riguarda il dry-aged beef, la qualità sta al primo posto. Per il complicato processo di essicazione e stagionatura vengono scelti solo i pezzi migliori, che in questo modo si disidratano e diventano più leggeri. Durante la cottura, la bistecca mantiene il suo peso e una volta pronta vanta una delicatezza ineguagliabile e un sapore sopraffino.

4. Low ’n’ slow

Il contrario di fast food. I maestri del barbecue americano definiscono così il tipo di cottura durante il quale la carne cuoce a basse temperature (low) e molto lentamente (slow).

5. Mopping

Con il "mopping" non ci sono vittime, ma solo vincitori! La parola deriva dall'inglese e significa letteralmente passare lo straccio o lavare. Nell'arte dell'arrostitura, invece, significa marinare le vivande o spennellarle con una salsa mentre vengono grigliate per conferire un tocco aromatico e una crosta croccante.


Vuoi farti notare non solo per le tue conoscenze specifiche, ma anche per il tuo know-how su gusti e sapori?
Vuoi farti notare non solo per le tue conoscenze specifiche, ma anche per il tuo know-how su gusti e sapori?

Allora dai un’occhiata al nostro wiki del gusto e impara a conoscere i pezzi di carne da grigliare e con quali contorni si abbinano al meglio.

Qui vai al wiki del gusto.

× Vicino