Ecco come diventare un po’ Fido.

Trasformati in cane o gatto facendo yoga.

Attrezzatura

L’abbigliamento da yoga deve essere leggero e comodo. Cappucci e cinture non sono adatti a questa pratica. I gioielli vanno tolti, soprattutto collane e orologi. Il materassino ideale è di caucciù, rivestito in lana di pecora, ma vanno bene anche altri materiali sintetici.

Marjariasana (posizione del gatto)

Mettiti a quattro zampe, con le ginocchia allineate sotto i fianchi, le braccia sotto le spalle e le dita ben aperte. Mantieni rilassate testa, nuca e spalle. Inspirando arcua verso l’alto la colonna vertebrale, vertebra dopo vertebra, quindi porta il mento verso lo sterno. Espirando inarca la schiena nel senso opposto alzando la testa e guardando in su. Esegui questo esercizio cinque volte di seguito, con un movimento simile a un’onda.

Adho Mukha Svanasana (posizione del cane a testa in giù)

Torna nella posizione di partenza a quattro zampe. Spingi i glutei verso l’alto, tieni i talloni appoggiati a terra e mantieni la schiena diritta. Premi con forza le mani sul pavimento tenendo le dita ben aperte. La testa è in prolungamento della colonna vertebrale, le spalle devono essere lontane dalle orecchie. Mantieni la posizione eseguendo cinque respiri profondi, quindi rilassati in posizione prona.

Consiglio:

evita pasti abbondanti e alcolici almeno due o tre ore prima di praticare lo yoga.

× Vicino