Ecco come muovere i primi passi nell’arte della griglia.

Queste 5 nozioni di base dovrebbero essere note a ogni maestro del barbecue.

1. Grigliando si impara

Impara l'arte e non metterla da parte: grigliare è una tecnica, esattamente come cucinare e preparare ricette al forno. All'aperto, però, si è confrontati con qualche difficoltà in più che in cucina; il vento e la meteo, per esempio, possono influenzare il processo di cottura. Ecco perché è assolutamente necessario un termometro per la carne e l'unico segreto per riuscire davvero è esercitarsi... il più possibile!

2. Quale grill fa per te?

Lo preferisci a carbonella o a gas? La scelta del tipo di grill è dettata dai tuoi gusti personali. Un grill a gas è pronto all'uso in meno tempo e la temperatura può essere regolata con maggiore precisione. Un grill a carbonella, invece, assicura un particolare tocco aromatico e regala l'atmosfera magica di un bivacco attorno al fuoco: un piacevole crepitio che avvolge tutto.

3. Dipende dalla tecnica

Cottura diretta o indiretta? Bella domanda! I grill a sfera e a gas consentono di grigliare sia a calore diretto che indiretto. Nella cottura diretta, le vivande sono posizionate direttamente sopra la fonte di calore, ossia sopra la carbonella o i bruciatori a gas; grazie alla temperatura elevata si forma una bella crosta. Nella cottura indiretta, invece, i prodotti non cuociono sopra la fonte di calore: la carbonella viene spinta ai lati e, nei grill a gas, una parte dei bruciatori viene spenta; la cottura lenta a bassa temperatura garantisce che la carne resti tenera e succosa. Le indicazioni di cottura riportate nelle ricette sono da interpretarsi come segue: fuoco basso ca. 120-180 °C, fuoco medio fino a ca. 220 °C e fuoco alto fino a ca. 280 °C.

4. Hai gli strumenti giusti?

Un buon artigiano lo riconosci dagli strumenti. Tra gli strumenti per il grill troviamo: forchetta e pinza per il grill, paletta, termometro per la carne, diversi coltelli, taglieri e vaschetta di gocciolamento. La forchetta va riservata alle verdure, dato che carne e pesce vengono danneggiati dai rebbi, perdendo così il loro succo. Lo strumento giusto per girare carne e pesce è la paletta o la pinza. Per motivi igienici, la carne cruda e la verdura vanno sempre lavorate separatamente. La vaschetta di gocciolamento impedisce al grasso e alla marinata di colare sulla brace ed infiammare così la carbonella.

5. Qual è il tuo piano?

Chi ben pianifica, meno brucia. La pianificazione comprende sia l'acquisto dei prodotti sulla lista della spesa sia la loro cottura. Dato che ogni prodotto ha le sue esigenze in quanto a temperatura e durata di cottura, è importante stabilire un piano che determini quando e come cuocere le vivande.


Sì alla grigliata, no alle conseguenze spiacevoli
Sì alla grigliata, no alle conseguenze spiacevoli

La stagione delle grigliate procede a pieno ritmo, purtroppo però spesso l’igiene lascia a desiderare. iMpuls elenca le regole più importanti e ti consiglia come consumare gli alimenti in tutta sicurezza.

Leggilo ora

× Vicino