Ecco come rinfrescarsi d'estate in montagna.

Sai dove si trovano i laghi più belli e dai colori più spettacolari della Svizzera? Qui:

Sai dove si trovano i laghi più belli e dai colori più spettacolari della Svizzera? Qui:

Lago di Joux, VD, 1004 m s.l.m.

Nella propaggine del Giura vodese, nella Vallée de Joux, si nasconde il piccolo fratello del Lago Lemano: il Lago di Joux. Con una superficie di 8,77 km2, questo lago offre condizioni ottimali per chi ama fare sub o surf o semplicemente nuotare e prendere il sole. In treno, è raggiungibile da Ginevra in meno di due ore e da Berna in due ore e mezza.

Le spiagge più belle sono quelle di Le Rocheray, Le Pont, L’Abbaye e Les Bioux.

Sapevi che...

il lago di Joux congela quasi ogni inverno e diventa una delle piste di ghiaccio naturali più grandi d’Europa?

Seealpsee, AI, 1143 m s.l.m.

Un luogo magico: il Seealpsee nelle montagne appenzellesi. Un posto idilliaco raggiungibile solo a piedi, in 50 minuti partendo da Wasserauen. I più sportivi lo raggiungono dalla cima del Säntis o passando da Ebenalp o Schäfler. Una fatica che vale la pena!

Tuffarsi nella fresca acqua del lago (18 °C) è possibile da tutte le rive.

Sapevi che...

nel 2009 e nel 2010 l’acqua del Seealpsee si è colorata di rosso, fenomeno dovuto a una rara alga che cresce nelle acque povere di sostanze nutritive?

Lago Cauma, GR, 997 m s.l.m.

Che colore stupendo! L’acqua del lago Cauma brilla di un colore turchino talmente fresco che invita a prenderne un sorso. Farebbe anche bene alla salute: già nel 19° secolo l’acqua del lago Cauma era considerata curativa. I malati si recavano in questo posto per curare le malattie degli occhi e della pelle. A proposito: il lago nella conca al di sotto di Flims si raggiunge con una funicolare lunga 125 m e aspetta i visitatori con un lido e un ristorante moderno.

Sapevi che...

i Caraibi non sono lontani dalla Surselva? D’estate il lago Cauma può raggiungere una temperatura di 24 °C, poiché è alimentato da sorgenti sotterranee.

Lago di Klöntal, GL, 848 m s.l.m.

Nella sua acqua limpida si specchiano le montagne circostanti, rendendolo uno dei più affascinanti laghi di montagna della Svizzera. Questo lago naturale è nato tanto tempo fa dopo una frana. Grazie alla sua posizione favorevole, viene utilizzato per la produzione di energia elettrica ed è oggi uno dei più conosciuti bacini di raccolta svizzeri. Sulla riva del lago si trova lo splendido campeggio Vorauen, punto di partenza ideale per escursioni impegnative nella zona. Il modo più semplice per raggiungere il lago è prendere l’autopostale da Glarona.

Nuoto, surf, sub e persino canottaggio: il lago di Klöntal piace a tutti gli appassionati delle attività acquatiche.

Sapevi che...

fino al 1953 dal lago congelato si estraeva ghiaccio per la vendita commerciale?

Schwendisee, SG, 1159 m s.l.m.

Luogo magico, sfondo per spot pubblicitari o rinfresco dopo una camminata estiva: lo Schwendisee offre di tutto di più. Lo circonda un comodo sentiero, ideale anche per chi non ama le escursioni di montagna. Si raggiunge dalla stazione a monte Iltios (Unterwasser) o dalla stazione Oberdorf di Wildhaus.

In realtà si tratta di due laghetti, divisi solo da un boschetto fiabesco. Fare il bagno è permesso solo in quello più grande.

Sapevi che...

lo Schwendisee si trova sul sentiero dei suoni del Toggenburg, con 22 sculture musicali che permettono di ascoltare la musica della natura, per es. il canto di un albero, dell’acqua o di fori nella roccia?

Blausee, BE, 887 m s.l.m.

Questo paradiso si situa a metà strada tra Spiez e Briga. Il lago splendidamente azzurro, con la sua acqua cristallina, si trova in un posto idilliaco, in un parco naturale che si estende su venti ettari. La natura si specchia nell’acqua trasparente creando un paesaggio fiabesco da «Signore degli anelli». L’effetto è ancora più mistico al tramonto.

Fare il bagno nel lago è impossibile, è troppo freddo. Però lo si può scoprire prendendo una barca con fondo di vetro.

Sapevi che...

secondo la leggenda, il colore azzurro fu conferito al lago dagli occhi di una giovane fanciulla che vi si annegò per aver perso il suo amato?

Pollo intero Optigal, 2 pezzi
Bratwurst di maiale in conf. speciale
Carne di manzo macinata M-Classic
Vegi Grill Mix Cornatur
Gelati da passeggio in conf. da 24
Tutti i tipi di Coca-Cola in conf. da 6, 6 x 1,5 l
Ecco come oltrepassare la linea degli alberi.

Nelle Alpi svizzere il limite degli alberi si situa intorno ai 2100 m s.l.m. A questa altitudine la temperature è gradevolmente fresca anche in piena estate.

Nelle Alpi svizzere il limite degli alberi si situa intorno ai 2100 m s.l.m. A questa altitudine la temperature è gradevolmente fresca anche in piena estate.

Note di scienza

Il limite degli alberi dipende in massima parte dal clima. Sui pendii del versante alpino settentrionale, non riparati ed esposti alle precipitazioni, si situa fra i 1600 e i 1800 m s.l.m., mentre in Engadina e nel Vallese si trova a 2300 m s.l.m.. Il limite viene stabilito in base all’albero isolato che si trova più in alto. In seguito ai cambiamenti climatici così come agli interventi dell’uomo, il limite degli alberi si sta progressivamente abbassando.

Camminata

La Val di Turtmann, nel Canton Vallese, vanta il limite degli alberi più alto d’Europa. Da Oberems si parte per un’escursione circolare fino a 2205 m s.l.m., da dove si prosegue verso il limite degli alberi. Da Zer Pletschu, a 2186 m s.l.m., si ricomincia lentamente a scendere, lungo un percorso roccioso, in direzione di Rotigu Unnerstafil, da dove una strada di fondovalle riporta
a Oberems.

Durata: 7,5 h

Grado di difficoltà: elevato

Ecco come fare un picnic estremo.

Hai già dormito e fatto un picnic sospeso sulla parete di una montagna? No? Allora è ora di farlo.

Hai già dormito e fatto un picnic sospeso sulla parete di una montagna? No? Allora è ora di farlo.

Le piattaforme sulle quali bivaccano gli alpinisti di punta durante le scalate di più giorni si chiamano portaledge.
La scuola di alpinismo di Adelboden è una delle poche in Svizzera ad offrire la possibilità di sperimentare questo bivacco diverso dal solito. Ecco come funziona Vieni portato all’alpe in auto insieme al materiale necessario e da lì ti avvii verso la parete rocciosa con armi e bagagli per bivaccare a un’altezza di circa 1900 metri sopra il livello del mare. Dopo averti dato istruzioni dettagliate, la guida alpina salirà con te fino al portaledge, che è già appeso alla parete.

Quando metti piede sulla piattaforma, ricordati di appoggiarlo al centro e non sul bordo. Ogni portaledge, in fin dei conti, è appeso ad un unico punto. Sei cinghie mantengono in equilibrio il telaio di metallo, un secondo punto di ancoraggio serve per assicurarsi in caso di caduta. Il prezzo di un portaledge parte dai 700 franchi in su.

Buon appetito!

Nel mezzo di questo panorama unico potrai gustarti un buon pasto. Alla mattina ti sarà servito il caffè caldo nel letto sospeso.

Per quanto riguarda il cibo, si sconsiglia di consumare alimenti pesanti. Sono ideali per esempio gli zwieback, la frutta (pesche, fette d’ananas, arance), formaggio o carne secca.

325
Good Morning Tuesday to You😘

This is what they call Autumn here in NZ...having fun with my Swiss #Flamingo friend available @migros #sogehtsommer ... wishing you an awesome day💗💗💗
@funkyforty 30. magg. 2017
If you haven’t planned to head to the next best lake or to have a BBQ with friends – either because it’s just too hot, your friends don’t have time for your or the next lake is 100 km away – I have a pretty cool idea how to spend your free day and you can even do it 1. inside where it’s cool, 2. alone and 3. right at home. This is my second DIY tutorial and it will show you how to create beautiful and totally unique flower vases. Admittedly I’m quite a lazy practical thinking person, so all the things you need for this DIY are available at Migros.
@Michèle Krüsi 18. giugno 2017
226
Bruschetta mit Grilltomaten und Mozzarella - So verwende ich mein altes Brot und zaubere daraus eine Köstlichkeit... Zum Schluss die Bruschettas mit ein wenig Olivenöl und Fleur de Sel beträufeln😉
#bruschetta #tomaten #tomatoes #cooking #bbq #grill #sogehtsommer #objectifete #summer #cooking #food #brot #bread #mozzarella 📷@le_ronson #davidgeisser
@david.geisser 13. giugno 2017
Ecco come scacciare le vespe durante un picnic.

Cosa c’è di più bello di un picnic all’aperto? Peccato che l’idillio ogni tanto viene disturbato dalle vespe. Con questi cinque trucchi ci si libera rapidamente dei piccoli ospiti indesiderati.

Cosa c’è di più bello di un picnic all’aperto? Peccato che l’idillio ogni tanto viene disturbato dalle vespe. Con questi cinque trucchi ci si libera rapidamente dei piccoli ospiti indesiderati.

1. Il trucco del caffè in polvere

Mettere un po’ di caffè in polvere in una ciotola resistente al calore e poi accenderlo con un fiammifero o simili. Non appena arde, lasciarlo semplicemente lì: le vespe detestano l’odore del caffè.

2. Il trucco delle monete da cinque centesimi

Così come l’odore del caffè, anche l’odore di rame e ottone è sgradito dalle vespe. Basta quindi distribuire alcune monete da cinque centesimi sul tavolo per allontanare le vespe; la moneta svizzera da cinque centesimi è infatti costituita al 92% di rame.

3. Evitare abiti colorati

Come le api, anche le vespe sono attratte dai colori accesi. È quindi meglio indossare abiti scuri e discreti.

4. Il trucco del cono di carta

Per questa operazione servono un foglio di carta marrone, un po’ di nastro adesivo, un pezzo di spago e due o tre ciottoli. Per prima cosa, arrotolare la carta a forma di cono e fissarla con il nastro adesivo. Dopodiché riempire il cono di ciottoli per appesantirlo. Infine tirare lo spago attraverso la parte alta del cono e appenderlo con la punta verso il basso vicino a dove si tiene il picnic. Le vespe penseranno che si tratta di un nido altrui e preferiranno tenersi a distanza.

5.   Coperchi

Si l’on veut éviter une attaque de guêpes, il ne faut pas laisser des mets sans protection. Un saladier, une assiette ou un autre récipient alimentaire non couvert est considéré comme une invitation par les guêpes qui trouvent rarement leur nourriture aussi facilement. Alors n’oubliez pas de couvrir tout ce qui peut les intéresser d’un couvercle ou d’un film alimentaire.

Ecco come riempire correttamente uno zaino da trekking.

Non c’è niente che, alla lunga, faccia passare la voglia di camminare più di uno zaino malfatto.

Non c’è niente che, alla lunga, faccia passare la voglia di camminare più di uno zaino malfatto.

Ecco come riempire bene lo zaino

Lo scomparto sul fondo dello zaino va interamente riempito con oggetti leggeri e soffici, come sacco a pelo e indumenti per rendere lo zaino un po’ più rigido. Inoltre questo tipo di carico è morbido e non disturba urtando la zona lombare.

Affinché lo zaino non risulti troppo pesante, rischiando di andare su e giù per la schiena in modo incontrollato, gli oggetti pesanti come borraccia e dispositivi elettronici vanno messi nella parte superiore dello zaino e fissati sistemando davanti oggetti leggeri e voluminosi, per esempio capi di abbigliamento. Nello scomparto sul cappuccio vanno messi oggetti piccoli come la crema solare, gli occhiali da sole, cartine geografiche, spray repellenti per insetti, cerotti, accendino, articoli da toilette e cellulare.

Consiglio

Mettendo gli indumenti in sacchetti sottovuoto, si risparmia moltissimo spazio: un grande vantaggio, soprattutto nelle escursioni lunghe.

× Vicino